Flat tax

Prendendo in parola le promesse elettorali e le conseguenti pubbliche dichiarazioni del nuovo governo, abbiamo trascorso una lieta serata in famiglia provando a calcolare quanto ci guadagneremo con il nuovo sistema di tassazione, la famosa flat tax che ridurrà il carico fiscale sui redditi più alti. Non siamo ricchi, ma non ce la passiamo male, e se le cose andranno come per quest’anno il fisco ci omaggerà di circa ottomila euro; non male, non male, è poco meno di quanto hanno a disposizione per vivere, per non morire, i cinque milioni di famiglie italiane con il reddito più basso, più di quanto guadagna in un anno il mio amico Cesare, che non ha una casa, non ha una famiglia che lo sostiene, non ha che poche ore di lavoro precario e faticoso e guadagna ancora troppo per aver assegnato un sussidio o una casa, anche solo una stanza, popolare. Fatti i conti, ci siamo piacevolmente interrogati sul che fare di tanta inaspettata fortuna, e siccome siamo famiglia eticamente propensa al bene collettivo, ci siamo risolti a farli sgocciolare sul popolo, sui meno abbienti, sui morti di fame che dir si voglia. Sappiamo che il nostro sarà anche un gesto di responsabilità nei confronti del nuovo governo, il quale sostiene la flat tax aderendo alla teoria economica detta  del tricke down, dello sgocciolamento appunto. Tale teoria frutto del rinomato pensiero ultra liberista recita cos: più i ricchi sono ricchi e più i poveri possono aspettarsi di veder sgocciolare dalle loro tasche, dalle loro mense, dalle loro crociere, dalle loro auto di lusso, dai loro rifacimenti estetici, un po’ del loro bengodi sotto forma  di più lavoro e più elemosine. Sì, faremo anche noi sgocciolare la nostra ricchezza seppur modesta sui poveri e, se devo dirlo, la cosa mi fa proprio schifo. Mi fa schifo il suono della ricchezza di chi sta in alto che gocciola giù sulla miseria di chi sta in basso con la bocca aperta pronta a inghiottire il gemizio, mi fa ribrezzo l’idea stessa che la vita, e la morte, della gran parte degli umani dipenda da quello che avanza dai pochi, mi fa orrore l’assoluta mancanza di dignità che assegna agli umani questa trovata. No, non c’è dignità, non c’è giustizia, non c’è nemmeno l’ombra di Dio in tutto questo, ed è proprio per questo che posso in coscienza definirmi un progressista. Un  progressista che rinuncerebbe volentieri ai privilegi che gli offre il nuovo governo fortemente voluto dal popolo, il quale popolo tutto quello che ci guadagnerà, se la teoria del gocciolamento dovesse funzionare, e non ha mai funzionato, saranno i miei avanzi. Ma il popolo è lì con la bocca spalancata ad aspettare perché nessuno gli ha mai palesato un’alternativa, perché i progressisti come me non gli hanno fin qui offerto un’attendibile alternativa di dignità.

Il Secolo XIX, 10 giugno 2018

redazioneggf 2018-07-27T11:39:37+00:00 10 giugno 2018|0 Commenti

Scrivi un commento